ATTENZIONE: stai consultando la versione GRATUITA della Bancadati. Per accedere alla versione completa abbonati subito

Estremi:
Cassazione civile, 2013,
  • Fatto

    SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

    Il Tribunale di Udine con decreto del 30 settembre 2011 revocava, ai sensi della L. Fall., art. 173, ed a seguito dell'accertamento di atti di frode, l'ammissione di B.E. alla procedura di concordato preventivo. Con sentenza dell'8 ottobre 2011, su richiesta del p.m., lo stesso Tribunale dichiarava il fallimento dell'imprenditore.

    B.E. proponeva reclamo che la Corte di appello di Udine rigettava con sentenza del 23 maggio 2012, osservando, per quanto ancora interessa, che: 1) il commissario giudiziale nella relazione ex art. 173 l. fall., aveva accertato quattro categorie di fatti ("andamento anomalo del conto cassa e non attendibilità delle scritture contabili"; "prelievi del titolare"; "rapporti di credito con la società B. s.r.l."; "pagamenti effettuati alla società TEA s.r.l.") non enunciati dal B. nè nella domanda di concordato, nè negli allegati, nè nella relazione del professionista prevista dalla L. Fall., art. 161, comma 3; 2) il silenzio del debitore su tali fatti integrava gli estremi della frode, in quanto i creditori non erano stati resi edotti sugli atti passibili di revocatoria in caso di fallimento ed in quanto, conseguentemente, si pregiudicava l'espressione da parte loro di un consapevole giudizio di convenienza sulla proposta di concordato; 3) inoltre, indipendentemente dalle eventuali prospettive di miglior soddisfacimento economico in caso di fallimento, il silenzio in questione aveva privato i creditori anche degli elementi di valutazione sulla meritevolezza dell'imprenditore dai quali essi legittimamente potevano far discendere la loro decisione.

    B.E. propone ricorso per cassazione avverso detta sentenza, deducendo un motivo. Il fallimento resiste con controricorso.

  • Diritto

    MOTIVI DELLA DECISIONE

    Con l'unico motivo proposto il ricorrente deduce la violazione della L. Fall., art. 173, lamentando che erroneamente le Corte di appello aveva ritenuto che fossero configurabili atti di frode in una situazione nella quale il commissario giudiziale non aveva accertato alcun fatto che non risultasse già dalle scritture contabili; il che, considerata l'intima connessione tra domanda di concordato e scritture contabili conduceva ad escludere oggettivamente la sussistenza di atti di frode salvo a volerla paradossalmente affermare per il solo fatto che la domanda di concordato ed i suoi allegati non esaminino analiticamente tutti i dati riportati nelle scritture contabili; in ogni caso, poichè i fatti evidenziati dal commissario risultavano dalle scritture contabili, si doveva escludere che il debitore avesse avuto la volontà di ingannare i creditori e, quindi, mancava il requisito soggettivo della frode.

    Il motivo è infondato. Questa Corte, con la sentenza 23 giugno 2011, n. 13817 ha chiarito che gli atti di frode, presupposto della revoca dell'ammissione al concordato preventivo dopo la riformulazione della L. Fall., art. 173, da parte del c.d. decreto correttivo (D.Lgs. n. 169 del 2007), non possono più essere individuati semplicemente negli atti in frode ai creditori di cui alla L. Fall., art. 64 e ss., (in questo senso, invece, la risalente Cass. 2 aprile 1985, n. 2250) ovvero comunque in comportamenti volontari idonei a pregiudicare le aspettative di soddisfacimento del ceto creditorio, ma esigono che la condotta del debitore sia stata volta ad occultare situazioni di fatto idonee ad influire sul giudizio dei creditori, cioè situazioni che, da un lato, se conosciute, avrebbero presumibilmente comportato una valutazione diversa e negativa della proposta e che, dall'altro, siano state ...

Correlazioni:

Legislazione Correlata (7)

Visualizza successivi
please wait

Caricamento in corso...

please wait

Caricamento in corso...