ATTENZIONE: stai consultando la versione GRATUITA della Bancadati. Per accedere alla versione completa abbonati subito

  • Fatto

    RITENUTO IN FATTO

    Con la sentenza impugnata il G.U.P. del Tribunale di Caltagirone ha emesso pronuncia di non luogo a procedere nei confronti di M. S. in ordine al reato di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 perchè il fatto non sussiste.

    La pubblica accusa aveva chiesto il rinvio a giudizio del M. per i reati di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, artt. 5 e 10 a lui ascritti perchè, quale legale rappresentante della società "Abioenne s.r.l.", non presentava le dichiarazioni annuali relative alle imposte sui redditi ed IVA, nonchè per avere occultato o distrutto in tutto o in parte le scritture contabili In modo da non consentire la ricostruzione dei redditi o del volume di affari.

    Il G.U.P. ha provveduto in conformità della richiesta del P.M. in ordine al reato di cui all'art. 5, disponendo il rinvio a giudizio dell'imputato con decreto, mentre lo ha assolto dal reato di cui all'art. 10 con la citata sentenza.

    Il giudice di merito ha osservato che la società "Abioenne s.r.l." era stata dichiarata fallita e nei confronti del M. era stato chiesto il rinvio a giudizio per il reato di cui alla L. Fall., art. 216, comma 1, n. 2).

    La sentenza ha affermato che il reato di cui al D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 è assorbito, per la clausola di riserva contenuta nella norma, da quello di bancarotta documentale ed ha escluso che la condotta omissiva contestata al M. avesse avuto la specifica finalizzazione alla frode fiscale.

    2. Avverso la sentenza ha proposto ricorso il Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Caltagirone, che la denuncia per inosservanza o errata applicazione della legge penale, nonchè mancanza, contraddittorietà o manifesta illogicità della motivazione.

    La pubblica accusa contesta, citando la giurisprudenza più ...

  • Diritto

    CONSIDERATO IN DIRITTO

    1. Il ricorso è fondato.

    Affinchè operi la clausola di riserva, nel caso in esame contenuta nel D.Lgs. 10 marzo 2000, n. 74, art. 10, occorre che vi sia identità o quanto meno omogeneità dei beni giuridici tutelati dalle due norme.

    Se le norme tutelano beni giuridici diversi l'applicazione della clausola di riserva renderebbe priva di tutela la persona offesa cui si riferisce la norma contenente detta clausola.

    Orbene, il D.Lgs. n. 74 del 2000, art. 10 tutela l'interesse fiscale dello Stato, mentre la L. Fall., art. 216 solo l'interesse privato dei creditori del fallito, con la conseguenza che, applicando la clausola di riserva nei sensi affermati dall'impugnata sentenza, l'interesse erariale dello Stato resterebbe privo della tutela penale prevista dalla norma.

    Diverso, peraltro, è il doto specifico dei due reati ("fine di evadere le imposte sui redditi o sul valore aggiunto ovvero il consentire l'evasione a terzi" per la fattispecie di cui al D.Lgs n. 74 del 2000, art. 10; "procurare a sè o ad altri un ingiusto profitto o di recare un pregiudizio ai creditori" per il R.D. n. 267 del 1942, art. 216, comma 1, n. 2)), che è elemento costitutivo delle fattispecie criminose.

    Altre differenze riguardano la non coincidenza dell'elemento materiale della condotta con riferimento aita documentazione ("scritture contabili o i documenti di cui è obbligatoria la conservazione" per l'art. 10; "libri o le altre scritture contabili", anche se la loro tenuta non è obbligatoria, per l'art. 216) oggetto delle due fattispecie criminose e gli effetti che deve produrre la condotta (non consentire la ricostruzione dei redditi o del "volume" di affari per l'art. 10; non rendere possibile la ricostruzione del patrimonio o del "movimento" degli...

Correlazioni:

Note a sentenza (1)

Legislazione Correlata (1)

please wait

Caricamento in corso...

please wait

Caricamento in corso...