ATTENZIONE: stai consultando la versione GRATUITA della Bancadati. Per accedere alla versione completa abbonati subito

  • Fatto

    Svolgimento del processo

    1. Con sentenza del 27 gennaio 1984 il Tribunale di Bolzano ammise la s.p.a. Edilmobiliare in liquidazione, alla procedura di concordato preventivo con cessione di tutti i beni. Dalla liquidazione dei beni ceduti risultò una disponibilità di danaro tale da consentire il pagamento integrale dei crediti per capitale ed interessi maturati anteriormente all'inizio della procedura, e anche il pagamento, quanto meno in percentuale, degli interessi maturati nel corso della procedura.

    Con atto di citazione notificato in data 18 e 19 febbraio 1993 la Banca Provinciale Lombarda s.p.a. (cui è, nel corso del giudizio, succeduto per incorporazione l'Istituto Bancario San Paolo di Torino s.p.a.) convenne, davanti al Tribunale di Bolzano, la Edilmobiliare s.p.a. in liquidazione e concordato preventivo, nonché i liquidatori della procedura, dr. R. D., dr.N. F. e dr. R. N., chiedendo che fosse dichiarato il diritto della banca ad ottenere, da parte dei liquidatori nominati nella procedura di concordato preventivo e con preferenza rispetto alla società medesima, il pagamento, sul residuo attivo della liquidazione, oltre al residuo capitale di L. 37.865.711, anche degli interessi sul credito capitale maturati durante la procedura di concordato, quanto meno al tasso del prime rate Abi e per l'importo, al 2 febbraio 1993, di L. 1.304.550.308, e fosse, inoltre, dichiarato che sullo stesso importo di L. 1.304.555.308 dovevano essere riconosciuti gli interessi allo stesso tasso dalla domanda giudiziale.

    L'istituto attore, premesso che il proprio credito di L. 2.883.970.515 era stato riconosciuto e soddisfatto limitatamente a L. 2.846.104.80486, basò la propria domanda su una serie di considerazioni, che possono essere così riassunte:

    - la sospensione del decorso degli interessi nel concordato preventivo è previsto dall'art. 169 l. fall., che dichiara applicabile la disposizione dell'art. 55, il quale, nel sancire la sospensione...

  • Diritto

    Motivi della decisione

    1. Col primo motivo si denuncia la violazione e la falsa applicazione dell'art. 182 l. fall. e, comunque, dei principi che regolano la funzione dei liquidatori nella procedura di concordato preventivo con cessione di beni. L'istituto ricorrente - censurando la statuizione del Tribunale relativa alla carenza di legittimazione passiva dei liquidatori - deduce che il contraddittorio doveva essere necessariamente integrato con la partecipazione dei liquidatori, in quanto nella specie non si tratterebbe di una normale azione di accertamento di un credito nei confronti del debitore, essendo oggetto di discussione non già il credito della banca per capitale ed interessi, ma le modalità e i limiti entro i quali all'interno della procedura concorsuale la banca abbia diritto al soddisfacimento degli interessi.

    1.1. Il motivo non ha fondamento.

    1.2. Con l'atto introduttivo del giudizio la Banca Provinciale Lombarda aveva chiesto al Tribunale l'accertamento, nei confronti della s.p.a. Edilmobiliare (in liquidazione e in concordato preventivo) e dei liquidatori (nominati nella sentenza di omologazione del concordato con cessione dei beni), del proprio diritto ad ottenere il pagamento, con preferenza rispetto alla società ammessa al concordato, oltre che del residuo capitale di L. 37.865.711, anche degli interessi maturati sul credito capitale durante la procedura di concordato, per l'importo, al 2 febbraio 1993, di L. 1.304.550.308. La domanda era, dunque, diretta ad accertare, da un lato, se il titolo fatto valere fosse idoneo a giustificare la pretesa creditoria di 37.865.711 verso la Edilmare, che contestava il fondamento della pretesa; dall'altro, se gli interessi maturati durante la procedura concorsuale, fossero da attribuire alla banca ovvero alla società debitrice.

    In nessun modo, quindi, il petitum involgeva un problema di realizzazione dei beni ceduti o di ripartizione del loro ricavato secondo le...

  • Note redazionali:
    Contenuto riservato agli abbonati
    Fai LOGIN o ABBONATI per accedere al contenuto completo
please wait

Caricamento in corso...

please wait

Caricamento in corso...