ATTENZIONE: stai consultando la versione GRATUITA della Bancadati. Per accedere alla versione completa abbonati subito

Struttura
  • PROVVEDIMENTO

    • Testo vigente
    • EPIGRAFE

      Codice di procedura civile, approvato con regio decreto 28 ottobre 1940, n. 1443 .



    • ARTICOLO N.39

      Litispendenza e continenza di cause.


    • [I]. Se una stessa causa è proposta davanti a giudici diversi, quello successivamente adito, in qualunque stato e grado del processo, anche d’ufficio, dichiara con ordinanza la litispendenza e dispone la cancellazione della causa dal ruolo (1).

      [II]. Nel caso di continenza di cause, se il giudice preventivamente adito è competente anche per la causa proposta successivamente, il giudice di questa dichiara con ordinanza la continenza e fissa un termine perentorio entro il quale le parti debbono riassumere la causa davanti al primo giudice. Se questi non è competente anche per la causa successivamente proposta, la dichiarazione della continenza e la fissazione del termine sono da lui pronunciate (2).

      [III]. La prevenzione è determinata dalla notificazione della citazione ovvero dal deposito del ricorso (3).

      (1) Comma così sostituito dall'art. 45, comma 3, lett. a), della legge 18 giugno 2009, n. 69. Il testo precedente la modifica recitava: «Se una stessa causa è proposta davanti a giudici diversi, quello successivamente adito, in qualunque stato e grado del processo, anche d'ufficio, dichiara con sentenza la litispendenza e dispone con ordinanza la cancellazione della causa dal ruolo».

      (2) Comma così modificato dall'art. 45, comma 3, lett. b), della legge 18 giugno 2009, n. 69, che, al primo periodo, ha sostituito la parola "sentenza" con la parola "ordinanza".

      (3) Comma così modificato dall'art. 45, comma 3, lett. c), della legge 18 giugno 2009, n. 69, che ha aggiunto, in fine, le parole "ovvero dal...

    please wait

    Caricamento in corso...

    please wait

    Caricamento in corso...